dots

Servizio realizzato da Walter Mazzoleni

Nel mondo del pallone troppo spesso si torna a parlare di calcioscommesse, la redazione di sportpaper.it ha ripercorso gli ultimi mesi e commentato i nuovi sconvolgenti fatti emersi. Di seguito il servizio realizzato da Walter Mazzoleni:

Sono trascorsi ormai mesi dal giorno in cui è emerso alla luce l’ennesimo scandalo calcioscommesse made in Italy, ma siamo ancora lontani dalla fine di un’inchiesta sempre più fitta di passaggi oscuri. Nel pieno della bufera, infatti, ci sono ancora calciatori, dirigenti e società il cui destino sembra al contempo solido e appeso a un filo, visto che dietro l’angolo, per alcuni di essi, fa capolino un giorno sì e l’altro no lo spettro del deferimento.

Dalla scorsa estate ad oggi se ne sono viste di tutti i colori: sanzioni differenti per fattispecie e capi d’accusa analoghi, penalizzazioni prima assegnate e poi revocate, calciatori passati dalle stelle alle stalle (e ritorno) nel giro di poche settimane, principio della responsabilità oggettiva rivisitato discrezionalmente. Senza contare lo strettissimo legame tra stampa e magistratura, alla faccia del segreto istruttorio, con i quotidiani sportivi sempre informatissimi sulle sentenze almeno ventiquattro ore prima che queste fossero rese pubblicamente. Ma quel che lascia più perplessi è che, con il campionato nel pieno della lotta scudetto, coppe europee e salvezza, siano ancora libere di trapelare sistematicamente indiscrezioni circa possibili nuovi colpi di scena, pronti a stravolgere ulteriormente rose e classifiche già colorate di troppi segni “meno”.

La verità – quella che gli inquirenti probabilmente fanno finta di ignorare – dice che quello legato al mondo delle scommesse sportive è di fatto un fenomeno troppo veloce e in ascesa, impossibile da frenare come conferma il recente boom di portali ad esse dedicati. E diffondere appelli sensibilizzatori sul gioco responsabile non è esattamente la contromisura più corretta da opporre per evitare che si sconfini nell’illegalità, raggio d’azione cui inevitabilmente si sprofonda quando si parla di cupola, criminalità organizzata, clan degli zingari e mercato asiatico.

Noi stessi, come sportpaper.it, proponiamo settimanalmente la rubrica “In QUOTA con Sport Paper”, una guida per le scommesse arricchita con consigli, parametri sportivi ma anche cabala, fermo restando che l’intuito del giocatore è soggettivo e non va assolutamente snaturato. Se il sistema non funziona, con cicliche ricadute nello scandalo, si tengano strette responsabilità e sensi di colpa coloro che di professione, nonostante un guadagno annuale a sei zeri, si permettono di gettare fango e discredito su un passatempo che, se non abusato, non può nuocere a nessuno. Tantomeno falsare un campionato su un campo di gioco o in tribunale, rischio che siamo sempre meno disposti a correre ma ormai triste realtà da dover sopportare.

Video recenti

  • Magaly Carvajal entra nella Hall of Fame di pallavolo

  • Baseball a Cuba, sport nazionale e fabbrica di campioni

  • La mitica finale di pallavolo femminile ai giochi di Atlanta 1996 Cuba-Cina

  • Il record del mondo di Dayron Robles nei 110m ostacoli


Sensis Ad1

Features

Argomenti popolari

Il saltatore Javier Sotomayor

Pagina dedicata doverosamente al formidabile saltatore in alto cubano Javier Sotomayor, medaglia d’oro nel 1992 e tuttora detentore dei record del mondo.

Il pugile Teófilo Stevenson

Cenni biografici sul peso massimo Teófilo Stevenson, pugile cubano vincitore di 3 medaglie d’oro in 3 Giochi Olimpici consecutivi, dal 1972 al 1980.

La pallavolista cubana Tai Aguero

Ritratto della formidabile pallavolista cubana Taismary Agüero, che tutti chiamiamo Tai, naturalizzata italiana e vincitrice di 2 medaglie d’oro olimpiche.